Articoli

Domus de Janas Bentosa

DOMUS DE JANAS JANNA BENTOSA
La domus de janas Janna Bentosa si trova sul versante occidentale del Monte Ortobene, si può raggiungere percorrendo la strada che dalla Chiesa della Solitudine  porta alla vallata di Marreri.


Dopo circa 4 km si svolta a sinistra in una stradina all'interno di una pineta dove si può notare l'ipogeo.
Nel 1985 il Dott. A. Foschi Nieddu fece un intervento di scavo nel quale accertò che il monumento fu edificato nel Neolitico recente a riprova di questo nel dromos e nell'anticella furono rinvenuti frammenti di ceramiche appartenenti alla cultura di Ozieri.
La tomba fu sicuramente riutilizzata nelle epoche successive in quanto negli strati superiori furono rinvenuti materiali ceramici di Cultura Monte Claro, frammenti di due vasi riferibili al Bronzo Antico, una perlina di pasta vitrea di Età Nuragica e qualche frammento di Età Romana.
La sepoltura, scavata nel granito a livello del piano di campagna, ha due vani.
L'ingresso è rivolto a Sud-Ovest ed è preceduto da un dromos megalitico.
Il dromos di forma rettangolare è delimitato da due file di pietre che si appoggiano alla parete rocciosa; purtroppo alcuni massi sono stati sottratti dai muri danneggiandone la struttura.
Subito dopo l'ingresso si può notare l'anticella di pianta subrettangolare; questa appare notevolmente danneggiata: manca la parete frontale, parte delle pareti laterali e della copertura dovuto al tipo di roccia in cui è scavato l'ipogeo.
Durante lo scavo erano stati messi in luce una fossetta ovale e il focolare rituale ma oggi non sono visibili  in quanto il pavimento è ingombro di detriti e terra.
Dall'anticella si accede attraverso un portello alla cella vera e propria.
La cella ha forma irregolare, presenta le pareti in parte erose e ricoperte di un leggero strato di fuliggine dovuto a un riutilizzo recente, il soffitto è piano e a tratti ondulato.
L'ambiente presenta sia a sinistra che a destra due nicchie, entrambe con pianta subrettangolare.
La parte destra della tomba è la più degradata presenta infatti il cedimento della parete e di una parte della volta dovuto  al disfacimento della roccia stessa . All'interno della tomba si notano tracce di ocra di tonalità rosso scuro che dimostrano come la tomba fosse arricchita di colore al contrario non si notano elementi decorativi architettonici e simbolici.